Tutti abbiamo un libro al quale siamo particolarmente legati. Alcuni anche più di uno. Io ne ho due, il secondo è il Piccolo Principe ma il primo della lista è “Storia di una Gabbianella e del Gatto che le insegnò a volare”.
uMastru,
tu quando io facevo le scuole elementari non mi conoscevi bene, ero un bambino abbastanza tranquillo ma amavo le storie esaltanti, quelle che ti fanno battere il cuore.
Quello che importa adesso però è che ho avuto la fortuna di avere tra le mie maestre una signora di nome Bruna, una Maestra che insegnava la fantasia. 
Come dici? non si può insegnare la fantasia?
si forse hai ragione è meglio dire che la Maestra Bruna solleticava la fantasia. La cosa certa è che alla maestra Bruna questo libro piaceva assai e quindi di conseguenza pure a me!
Come dici? ci vuole fortuna a trovare i Maestri giusti?
Hai proprio ragione, nella vita se trovi i maestri giusti hai completato metà dell’opera, l’altra metà però devi metterla tu.
Torniamo a noi però, qualche giorno fa ho ripreso in mano questo libricino, l’ho preso in occasione dell’allestimento della Libreria di Bottega che stiamo allestendo ed è successo che mi sono ricordato di quanto avessi amato Zorba durante la mia infanzia e di quanto avessi penato per quella gabbianella.
Ne sono venute fuori tre riflessioni che ti voglio condividere.

La Generosità ci salverà.

La possibilità di attingere dalle esperienze degli altri è un grande dono, dobbiamo però ricordarci di ricambiare il favore. Un gatto non potrebbe mai sapere qualcosa che va oltre il suo instinto senza aver vissuto un po’ anche le esperienze di altri animali.
Zorba è generoso a prescindere, forse proprio perchè conosce, forse proprio perchè sa come funzionano le cose.
Si mette a disposizione perchè è responsabile nei confronti della vita.
La nostra umanità (anche Zorba ne dimostra tanta) alimenta le nostre azioni più nobili sta a noi esercitarla giorno dopo giorno!

Le Promesse sono alla base del nostro agire (da soli e con gli altri)

Quanto vale una promessa? tanto se fatta da qualcuno che ci crede. La gabbianella non avrebbe mai potuto volare senza una promessa. Le promesse ci fanno andare oltre la logica delle nostre azioni, ci fanno fare cose che non avremmo mai immaginato.
Quando hai promesso di fare qualcosa, non centra più quello che pensano gli altri, centri solo tu, tu e la tua promessa da mantene (Zorba docet)

 Niente è impossibile.

Volaaa, volaaa!
Quante volte avrai rivisto quella scena? e quante volte hai pianto? L’impossibile ci appartiene. L’impossibile è un fatto che abbiamo dentro.
Salire sul campanile e provarci è parte della nostra natura.
Sbagliare, riprovarci ancora, sbagliare e finalmente (forse) riuscirci è la nostra vita!

E a te, quante altre cose ha trasmesso questo libro?